Home / Informazioni e Notizie / “Giornalisti d’Azione”: Laboratori di giornalismo con Fiammetta Borsellino al “Pezzullo” di Cosenza

“Giornalisti d’Azione”: Laboratori di giornalismo con Fiammetta Borsellino al “Pezzullo” di Cosenza 0

COSENZA 06/05/19- “Nel giornalismo e nella comunicazione in generale la parte empirica è fondamentale. Per questo motivo nei laboratori di giornalismo che attiviamo  noi puntiamo molto sulla pratica, sulla partecipazione attiva. I ragazzi si annoiamo se si vedono costretti ad ascoltare passivamente regole e norme. Diversamente manifestano entusiasmo quando cominciano a mettere in pratica il modo di scrivere un articolo. La nostra presenza all’incontro con Fiammetta Borsellino è stata da noi indirizzata proprio verso questo obiettivo”.

È l’esperienza pluriennale, ormai, che fa esprimere con questa sicurezza Mariapia Volpintesta, coordinatrice dei laboratori di giornalismo dell’associazione “Giornalisti d’Azione”, che, insieme alla collega Carla Sabato, ha approfittato della presenza della figlia del giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia, in un incontro che si è svolta a Rende, per tenere una lezione pratica. Fruitori di questa esperienza gli studenti della prima Sia, Sistema informativo aziendale, dell’istituto superiore “Pezzullo” di Cosenza, diretto da Rosita Paradiso, tutor interna la professoressa Susanna Frugiuele. I ragazzi, opportunamente preparati qualche giorno prima con lezioni dedicate tenute nelle aule della scuola, hanno potuto interagire con consapevolezza con la giovane Borsellino.

“Gli studenti che abbiamo portato al Museo del Presente di Rende – dice Carla Sabato – hanno potuto apprendere la vicenda drammatica che ha interessato il giudice siciliano e, nel contempo, hanno potuto applicare i primi rudimenti del giornalismo in un’occasione importante, con un’ospite di rilievo. Hanno posto delle domande pubblicamente armeggiando un microfono e confrontandosi con una vera telecamera. Abbiamo girato immagini e interviste, e con questo materiale insegneremo loro come si costruisce un servizio giornalistico televisivo”.

Una normale prassi nei laboratori di “Giornalisti d’Azione” che impiegano sempre molti colleghi quando si tratta di eventi esterni alle aule. Con Volpintesta e Sabato, l’associazione ha fatto seguire gli studenti dai giornalisti Alessia Rausa e Alessandro Noce, impiegando anche una telecamera ‘guidata’ da Vittorio Tursi Prato, con loro anche la professoressa del ‘Pezzullo’ Gabriella Iuliano .

“Sono già tre anni – dice il presidente dell’associazione Mario Tursi Prato – che attiviamo i laboratori nelle scuole del Cosentino, soprattutto, ma siamo , anche in scuole del Reggino. I dirigenti scolastici, i professori e, in particolare, i ragazzi manifestano entusiasmo per i nostri corsi, tanto da confermarci ogni anno.