Home / Informazioni e Notizie / Per una Diamante migliore: Sul porto esiste già un Consiglio comunale permanente

Per una Diamante migliore: Sul porto esiste già un Consiglio comunale permanente 0

DIAMANTE (CS) 29/12/17 Nella diatriba tra circolo PD e Diamante Futura se fare a no un Consiglio comunale ad hoc sul porto, arriva a far da paciere il Gruppo consiliare Diamante e Cirella per una Diamante migliore, ricordando a tutti che esiste già un Consiglio comunale permanente sulla questione porto, votato da tutta l’assemblea consiliare su proposta del Sindaco Sollazzo.

Ad intervenire è il consigliere Francesca Amoroso che dichiara : “Intervengo per svelenire il clima e perché mi sembra che spesso ci complichiamo la vita inutilmente. Presi dalla componente emotiva della discussione e dalla inguaribile tendenza alla divisione ci neghiamo spazi di discussione essenziali ed utili a tutta la nostra comunità.

Io sul porto farei un Consiglio Comunale ad hoc ogni settimana, sempre aperto agli interventi dei cittadini, stimolando l’intervento e l’interesse dei più giovani, invitando a partecipare sempre tutte le parti in causa(Regione, Comune e Concessionario) fino a quando il problema non si risolve definitivamente.

Che ben venga! Dove sta il problema? La partecipazione democratica e la risoluzione dei problemi richiedono fatica, pazienza e costanza.

E’ altrettanto utile ricordare però che un Consiglio Comunale a settimana sul porto non lo farei solo io perché dal 28 Novembre 2016, con voto unanime dell’assemblea consiliare, sulla questione – porto il Consiglio Comunale è convocato in maniera permanente.

Il Sindaco Sollazzo propose l’approvazione del provvedimento “al fine di garantire una ininterrotta vigilanza sulla vicenda sia nell’intento di garantire le categorie direttamente interessate, in particolare i pescatori, che di rappresentare istituzionalmente l’unità di tutta la comunità cittadina sulla realizzazione del porto che non può subire più ritardi”.

Sarebbe ora di cominciare a farlo per davvero, tutte le settimane, lavorando per produrre soluzioni senza cedere alle divisioni, ci sono almeno tre generazioni di diamantesi che divisioni non se ne possono più permettere ed opportunità non ne possono più perdere.”