Home / Informazioni e Notizie / Porto di Diamante: Il Movimento popolare propone nuove forme di protesta

Porto di Diamante: Il Movimento popolare propone nuove forme di protesta 0

DIAMANTE (CS) 13/01/18- Il Movimento Popolare, nato spontaneamente e  composto da semplici cittadini, non si ferma e va avanti.

Non basta la mozione approvata dal Consiglio comunale del 27 dicembre scorso che ricalca le proposte fatte dal movimento. Non bastano le prese di posizione fatte da amministratori. Bisogna andare ancora più a fondo e chiedere alla regione la massima chiarezza su quanto avvenuto a Diamante sulla vicenda porto. Per questo motivo dopo il successo della fiaccolata e dello sciopero dei commercianti con l’accensione di una candela nel proprio negozio il Movimento convoca una nuova assemblea nella sede del DAC- Museo delle arti e delle culture, il 14 gennaio alle ore 9,30.

E’ la quarta assemblea , dicono al movimento e le decisioni da prendere sono due.

La prima riguarda l’indizione di uno SCIOPERO GENERALE DEL PAESE, in data da deciderei. Uno sciopero che blocchi tutto il paese e porti l’intera cittadinanza a manifestare per chiedere alla Regione Calabria di porre fine allo scempio sotto gli occhi di tutti nella zona porto. Se l’opera non si può fare , allora è ora che tutta l’area ritorni alla cittadinanza. Lo sciopero ha anche lo scopo di ottenere una risposta alle 907 firme di cittadini che hanno sottoscritto un documento, risposta che ancora non è arrivata.

La seconda riguarda la possibilità di uno SCIOPERO DEL VOTO in occasione delle politiche del 4 marzo. Una decisione importante che verrà presa a seguito di mancate risposte dopo lo sciopero generale.

Vista l’importanza delle decisioni da prendere, il Movimento popolare chiede a tutti i cittadini, ai commercianti, agli imprenditori, agli artigiani, alle Associazioni, ai giovani ed agli studenti di partecipare.

Il Movimento popolare