Home / Informazioni e Notizie / Porto di Diamante: Il Sindaco non parteciperà al tavolo tecnico dal Prefetto

Porto di Diamante: Il Sindaco non parteciperà al tavolo tecnico dal Prefetto 0

DIAMANTE (CS) 12/07/18: Porto di Diamante, il Sindaco dott. Gaetano Sollazzo dopo aver incontrato il Prefetto di Cosenza, dott. Tomao, per una “preliminare discussione” sulla vicenda porto, ha deciso di non partecipare alla riunione prefettizia convocata il 13 luglio, con tutti i gruppi consiliari, i tecnici ed il concessionario.

“Con espressa mia richiesta – scrive il dott. Sollazzo- nella qualità di Sindaco di Diamante, ho partecipato in data odierna, insieme al Presidente del Consiglio Comunale Bernardo Riente, ad un incontro istituzionale con S.E. il Prefetto di Cosenza, Dr. Tomao, per una preliminare discussione sulla vicenda del Porto di Diamante, nell’imminenza della riunione prefettizia disposta per il 13 luglio, con tutti i gruppi consiliari con i tecnici ed il concessionario.

L’ incontro di stamattina è scaturito dall’esigenza di definire in modo chiaro la posizione dell’Ente e dell’Amministrazione comunale. Nel corso del costruttivo colloquio con S.E. Il Prefetto, infatti, ho inteso puntualizzare alcuni aspetti salienti della vicenda così da scongiurare strumentalizzazioni ed erronee rappresentazioni.

Come da atti, la vicenda porto propone problematiche di natura squisitamente tecnica e di vecchia data: allo stato, l’Ente si è rivolto ad uno studio legale per una definizione puntuale della strategia stragiudiziale ed, eventualmente, giudiziale a tutela del Comune di Diamante. Ciò che ho ribadito nel corso dell’incontro, è il carattere preminentemente tecnico-giuridico della problematica che non può né deve assumere valenze politiche o di altra natura, stante il fondato timore di insabbiare ulteriormente la questione porto. Resta ferma la volontà dell’Amministrazione Comunale di fare luce sui ritardi e sulle inerzie, chiaramente, con la piena consapevolezza che da detti ritardi ed inerzie possano scaturire eventuali responsabilità. E’ opportuno far presente che unico dato certo ed inconfutabile, nella complessa giostra decennale di rimbalzi tra ente sovracomunale e privati, è il danno che la vicenda arreca alla collettività ed all’immagine del Comune di Diamante.

Come già anticipato a S.E. il Prefetto, nel riportarmi integralmente alle decisioni assunte all’unanimità in Consiglio Comunale, e già rese note alla comunità tutta, di conseguenza non parteciperò alla riunione fissata per domani.”