Home / Informazioni e Notizie / Diamante. La proposta di Bartalotta: “Eco-punti per i virtuosi della differenziata”

Diamante. La proposta di Bartalotta: “Eco-punti per i virtuosi della differenziata” 0

21/07/21- Emergenza Rifiuti.  La proposta del Presidente del Consiglio Comunale di Diamante, Francesco Bartalotta: Eco-punti per i cittadini virtuosi della raccolta differenziata 


Rifiuti. La proposta del Presidente del Consiglio Comunale di Diamante, Francesco Bartalotta: “Un dispositivo per l’erogazione di eco-punti per la raccolta differenziata in favore dei cittadini virtuosi.”

“In un periodo di smisurata difficolta -dichiara Bartalotta– per i Comuni della provincia di Cosenza, ed in particolare per quelli posizionati nell’area dell’Alto Tirreno cosentino, dovuta alla chiusura degli impianti regionali per il conferimento e lo smaltimento dei rifiuti, in occasione dei lavori della “Commissione comunale sullo Statuto ed i Regolamenti”, convocata nella giornata di ieri, per definire e portare all’attenzione del prossimo Consiglio comunale un “Disciplinare per la gestione del Centro Comunale di Raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani”, ho inoltrato alla medesima, agli uffici competenti e all’impresa che gestisce il servizio di raccolta rifiuti nel territorio del Comune di Diamante, una proposta che prevede e considera la possibilità di un “dispositivo per l’erogazione di eco-punti per la raccolta differenziata in favore dei cittadini virtuosi” che conferiranno i propri rifiuti differenziati direttamente presso l’isola ecologica comunale.

La bozza del dispositivo consiste nell’assegnazione di un’apposita tessera magnetica denominata “Ecology Card”, attivabile al primo conferimento, con l’attribuzione di eco-punti (1 eco punto per ogni chilogrammo di rifiuti) fino ad un tetto massimo in chilogrammi suddiviso per materiale riciclabile conferito all’utenza regolarmente iscritta al ruolo TARI ed in ordine con i pagamenti dei tributi comunali, residente o domiciliata nel Comune di Diamante, recandosi direttamente a conferire presso l’isola ecologica comunale i propri rifiuti utili al riciclo come acciaio, alluminio, carta/cartone, legno, plastica, vetro ed altro.

Il dispositivo prevede anche, per la sola “utenza domestica”, l’assegnazione di un Extrabonus, fino ad un massimo di tre pezzi conferiti nel corso di un anno solare, per i rifiuti ingombranti come mobili, finestre e quelli appartenenti alla categoria RAEE.

Il cumulo degli eco-punti ottenuti nell’arco di un intero anno solare verrebbero ripartiti come valore economico da detrarre, sotto forma di premialità, dal pagamento delle imposte TARI.

Anche se il legislatore stabilisce che “effettuare la raccolta differenziata è un obbligo e non una facoltà per il cittadino”, è opportuno, per l’ente locale, dotarsi di politiche di sostegno in favore dei cosiddetti “cittadini virtuosi”, assumendo come presupposto la valorizzazione dell’apertura alle utenze del centro comunale di raccolta differenziata; in quest’ottica -conclude Bartalotta– auspico che quanto proposto possa essere esaminato e osservato dettagliatamente dagli organi amministrativi e dagli uffici competenti in un arco temporale ristretto.”

Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites