Home / Informazioni e Notizie / Il Cantagiro 2019: La Calabrese “Victoria” vince il premio “Radio Italia Anni 60”

Il Cantagiro 2019: La Calabrese “Victoria” vince il premio “Radio Italia Anni 60” 4

10/10//19 – Lo scorso 5 ottobre si è svolta a Fiuggi, la Finale Nazionale della famosa manifestazione canora “Il Cantagiro”. Tra i 22 finalisti provenienti da tutta Italia c’èra la cantante calabrese, Vittoria Loria in arte Victoria che con il suo brano inedito vince il premio “Radio Italia Anni 60”.

L’edizione 2019 è stata vinta dal giovanissimo siciliano Simone Romano (19 anni), con la canzone “I miei quadri”, un brano molto intimo e personale che parla tanto di lui e di come vede la vita. Una giuria di riguardo (presidente di giuria nota vocal coach Maria Grazia Fontana e discografici, produttori e giornalisti vari), ha assegnato i vari riconoscimenti tra i quali il premio “Radio Italia Anni 60”, consegnato alla cantante calabrese.

Inoltre il brano inedito di Victoria sarà inserito nella Compilation “Cantagiro 2019” e trasmesso nella programmazione di Radio Italia Anni 60, la famosa radio dei ricordi che trasmette la migliore musica italiana.

Vittoria Loria, (Victoria) è di Cotronei (KR), la sua passione per il canto inizia sin da bambina, tanto da intraprendere anche studi specifici del settore, collaborando con varie band sino a tutt’oggi. Ha partecipato, negli anni, a vari concorsi canori tra cui l’importante Premio Mia Martini, piazzandosi sempre in ottime posizioni.
La sua passione e la propria crescita personale le ha permesso d’intraprendere la professione di cantante, che l’ha portata all’apertura di spettacoli di personaggi ben noti del mondo della musica, quali Bianca Atzei, Massimo Di Cataldo, Franco Simone, i Romans e i Nuovi Angeli, nonché a essere stata la vocalist della ben nota cantante calabrese Lisa Panetta. La sua esperienza, affiancata al suo carattere espansivo e solare, ha fatto si che si cimentasse anche nella presentazione di eventi di vario tipo (sfilate di moda, saggi di danza, concorsi canori).

La sua esperienza al Cantagiro inizia nel 2017 dove giunge alla Finale Nazionale, guadagnandosi di diritto la Semifinale Nazionale dell’anno successivo a cui non partecipa. Quest’anno ritenta l’impresa superando le ultime tappe del concorso canoro che si sono svolte tutte a Fiuggi:
-01.10.2019 Prima Fase Nazionale presso le Terme di Fiuggi;
-03.10.2019 Pre-Finale Nazionale presso Terme di Fiuggi;
-04.10.2019 Semifinale Nazionale presso il Palaterme di Fiuggi, struttura da 4.500 posti che ospita gli eventi più grandi della città;
-05.10.2019 Finale Nazionale e premio “Radio Italia Anni 60” del “Il Cantagiro 2019”.

Il Cantagiro è nato con Ezio Radaelli ed è stata una manifestazione canora che ha fatto la storia della musica italiana. Si trattava di un Festival itinerante che si svolgeva ogni estate in Italia. La prima edizione della manifestazione si è svolta nel 1962, fu presentata da Nuccio Costa e dall’attrice Dany París e vide la vittoria di Adriano Celentano con Stai lontana da me. La formula era presa a modello del Giro d’Italia di ciclismo, e consisteva in una carovana canora in giro per l’Italia con diversi cantanti che gareggiavano tra loro, giudicati da giurie popolari scelte tra il pubblico delle varie città. Ogni sera veniva proclamato il vincitore di tappa, e nella tappa finale (a Fiuggi) veniva annunciato il vincitore assoluto. Gli interpreti ed i relativi brani erano divisi in sezioni: artisti di fama, le nuove proposte canore e i gruppi musicali. Nell’albo d’oro spiccano  “grandi” della musica italiana come Adriano Celentano, Gianni Morandi, Rita Pavone, Massimo Ranieri, Peppino Di Capri, Equipe 84 e tanti altri.

Nel 2005 la manifestazione cambia completamente stile e impostazione, diventando quasi irriconoscibile con le più tradizionali edizioni passate. Ezio Radaelli, lo storico patron, muore nel 1995, la produzione passa nelle mani di Enzo De Carlo, promoter che, acquistando il marchio, riporta il Cantagiro agli antichi splendori, tornando nelle piazze, portando musica e soprattutto visibilità per gli artisti emergenti.
Una storia che dura dal 1962 che rimane nella storia della musica italiana.