Home / Informazioni e Notizie / Rifiuti abbandonati lungo la SS18. Arrivano telecamere e fototrappole 

Rifiuti abbandonati lungo la SS18. Arrivano telecamere e fototrappole  0

28/05/20 L’ANAS di Catanzaro annuncia che anche nell’Alto Tirreno cosentino verranno installate telecamere e fototrappole, per identificare chi sversa rifiuti nelle piazzole di sosta della SS18. 

Un risultato accolto con soddisfazione dall’Associazione ambientalista “Italia Nostra” che da anni si batte per contrastare questo brutto fenomeno che oltre a inquinare l’ambiente, deturpa il bellissimo paesaggio che caratterizza l’Alto Tirreno cosentino.

“Sta per finire anche sul nostro territorio la pacchia degli “insozzatori di professione” che hanno spesso trasformato le piazzole ANAS della SS 18 Tirrenica Inferiore in una inguardabile discarica di rifiuti. L’iniziativa di “Italia Nostra” per contrastare tale fenomeno aveva l’obiettivo di offrire a chi viene da lontano a villeggiare in Calabria, un impatto positivo con il nostro territorio, porta di ingresso della Regione che non offre una bella immagine di sé con queste aree piene di rifiuti di ogni genere che deturpano l’ambiente e il paesaggio.

Un primo risultato era stato raggiunto con l’istallazione delle telecamere nel Fondovalle Del Noce nel territorio di Maratea regione Basilicata, ora è la volta della Calabria. L’ANAS di Catanzaro, infatti ci ha comunicato che sono in corso le procedure per la definizione del piano di intervento e per l’allestimento delle postazioni dissuasive nelle l’area di interesse e che entro la fine di giugno saranno posizionate sulle piazzole ANAS presenti nel nostro territorio un sistema di telecamere.

Inoltre l’ANAS dotterà alcuni comuni costieri di fototrappole allo scopo di rafforzare il sistema di controllo e di sanzionamento dei trasgressori che in tale modo verrebbero individuati e non la faranno franca.

Dobbiamo aggiungere che l’ANAS si è dimostrata sensibile a queste problematiche ambientali ed è stata sempre disponibile ad interloquire con la nostra Associazione e ad ascoltare le nostre richieste. Ora ci aspettiamo i fatti.”